Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore polmone
OncoGeriatria

Sorveglianza o terapia diretta alle metastasi per recidiva di tumore alla prostata oligometastatico


Studi retrospettivi suggeriscono che la terapia diretta alle metastasi ( MDT ) per il cancro prostatico oligoricorrente migliora la sopravvivenza libera da progressione.
È stato valutato il beneficio della terapia diretta contro le metastasi in uno studio randomizzato di fase II.

Nello studio multicentrico randomizzato, i pazienti con carcinoma alla prostata asintomatico erano eleggibili se avevano presentato una recidiva biochimica dopo trattamento con carcinoma alla prostata primario con intento curativo, 3 o meno lesioni metastatiche extracraniche alla tomografia computerizzata e livelli di testosterone sierico superiori a 50 ng/ml.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a sorveglianza o a terapia diretta contro le metastasi di tutte le lesioni rilevate ( chirurgia o radioterapia stereotassica corporea ).
La sorveglianza è stata eseguita con follow-up dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) ogni 3 mesi, con imaging ripetuto alla progressione di PSA o sospetto clinico di progressione.

L'assegnazione casuale è stata bilanciata dinamicamente sulla base di due fattori: il tempo di raddoppiamento di PSA ( 3 mesi o meno versus più di 3 mesi ) e le metastasi linfonodali rispetto a quelle non-linfonodali.

L'endpoint primario era la sopravvivenza senza terapia di deprivazione androgenica ( ADT ).
La terapia ADT è stata avviata alla progressione sintomatica, alla progressione a più di 3 metastasi o alla progressione locale di metastasi note.

Tra il 2012 e il 2015 sono stati arruolati 62 pazienti.

A un tempo mediano di follow-up di 3 anni, la sopravvivenza mediana libera da terapia ADT è stata di 13 mesi per il gruppo di sorveglianza e di 21 mesi per il gruppo terapia mirata ( hazard ratio, HR=0.60; log-rank P=0.11 ).

La qualità di vita era simile tra i bracci al basale ed è rimasta paragonabile al follow-up a 3 mesi e a 1 anno.

6 pazienti hanno sviluppato tossicità di grado 1 nel braccio terapia MDT. Non è stata osservata tossicità di grado 2-5.

In conclusione, la sopravvivenza libera da terapia di deprivazione androgenica è risultata più lunga con la terapia mirata alle metastasi rispetto alla sola sorveglianza per tumore alla prostata oligoricorrente, suggerendo che la terapia metastasi-mirata dovrebbe essere ulteriormente esplorata negli studi di fase III. ( Xagena2018 )

Ost P et al, J Clin Oncol 2018; 36: 446-453

Onco2018 Uro2018 Farma2018


Indietro