Novartis
Roche Oncologia
BMS
Lung Unit

Terapia immuno-oncologica: Opdivo per il trattamento dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, squamoso, metastatico, trattato in precedenza


L'FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Opdivo ( Nivolumab ), per uso endovenoso, per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), squamoso, metastatico, con progressione durante o dopo la chemioterapia a base di Platino.
Opdivo è la prima terapia anti-PD-1 ( recettore-1 della morte programmata ) per la quale è stata studiata la sopravvivenza globale nel tumore NSCLC squamoso, metastatico, trattato in precedenza.
Opdivo è risultato associato a una sopravvivenza globale significativamente maggiore rispetto a Docetaxel ( Taxotere ), con una riduzione del 41% del rischio di morte ( hazard ratio, HR = 0.59 [ 95% CI: 0.44, 0.79; p = 0.00025 ] ), in una prespecificata analisi ad interim di uno studio clinico di fase III.
La sopravvivenza generale mediana è stata di 9.2 mesi nel braccio Opdivo ( 95% CI: 7.3, 13.3 ) e 6 mesi nel braccio Docetaxel. ( 95% CI: 5.1, 7.3 )

Questa approvazione è la seconda per Opdivo negli Stati Uniti nell’arco di tre mesi, e si basa sui risultati degli studi CheckMate -017 e CheckMate -063.

Opdivo è associato con reazioni avverse immuno-mediate, come polmonite, colite, epatite, nefrite e disfunzione renale, ipotiroidismo e ipertiroidismo, e altre reazioni avverse; e tossicità embriofetale.

Sopravvivenza superiore rispetto allo standard di cura

Checkmate -017 era una studio di fase III, in aperto, randomizzato, multicentrico, che ha valutato Opdivo ( 3 mg/kg per via endovenosa in 60 minuti ogni due settimane ) ( n=135 ) rispetto allo standard di cura, Docetaxel ( 75 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane ) ( n=137 ), in pazienti con carcinoma metastatico squamocellulare che aveva progredito durante o dopo la doppietta chemioterapica a base di Platino.
Questo studio ha incluso pazienti indipendentemente dal loro status di PD-L1.

L'endpoint primario di questo studio era la sopravvivenza globale.
Lo studio è stato interrotto sulla base di una valutazione effettuata dal Data Monitoring Committee ( DMC ), che ha concluso che lo studio aveva incontrato il suo endpoint, dimostrando che la sopravvivenza complessiva era superiore nei pazienti trattati con Opdivo rispetto a quelli che avevano ricevuto Docetaxel.
L'analisi ad interim pre-specificata è stata condotta quando sono stati osservati 199 eventi ( 86% del numero previsto di eventi per l'analisi finale ) ( 86 nel braccio Opdivo e 113 nel braccio Docetaxel )
Opdivo è l'unica monoterapia approvata dalla FDA che ha dimostrato, in modo comprovato, una sopravvivenza globale superiore rispetto allo standard di cura in più di 15 anni nel cancro del polmone non-a-piccole cellule, squamoso, metastatico, trattato in precedenza.
La sopravvivenza generale mediana è stata di 9.2 mesi nel braccio Opdivo ( 95% CI: 7.3, 13.3 ) e di 6 mesi nel braccio Docetaxel ( 95% CI: 5.1, 7.3 ).
L'hazard ratio è stato pari a 0.59 ( 95% CI: 0.44, 0.79; p=0.00025 ). Questo rapporto di rischio si traduce in una riduzione del 41% del rischio di morte con Opdivo rispetto a Docetaxel.

L'approvazione da parte della FDA di Opdivo ha introdotto una nuova modalità di trattamento che ha dimostrato risultati senza precedenti per il trattamento del tumore NSCLC squamoso, metastatico, precedentemente trattato, con la possibilità di sostituire la chemioterapia in questi pazienti.

Profilo di sicurezza

Il profilo di sicurezza di Opdivo nel tumore polmonare non-a-piccole cellule squamoso è stato stabilito nello studio di fase II CheckMate -063, a singolo braccio, in aperto, multicentrico, in cui l’anticorpo monoclonale è stato somministrato in monoterapia in pazienti con carcinoma squamocellulare metastatico con progressione dopo aver ricevuto la terapia a base di Platino e almeno un regime di trattamento sistemico addizionale ( n=117 ).
I pazienti hanno ricevuto 3 mg/kg di Opdivo somministrato per via endovenosa in 60 minuti ogni 2 settimane.
Questo studio ha incluso pazienti indipendentemente dal loro status di PD-L1.
Le reazioni avverse più comuni ( riportate in misura maggiore o uguale al 20% dei pazienti ) sono state: affaticamento ( 50% ), dispnea ( 38% ), dolore muscoloscheletrico ( 36% ), diminuzione dell'appetito ( 35% ), tosse ( 32% ), nausea ( 29% ), e costipazione ( 24% ).
Le reazioni avverse gravi si sono verificate nel 59% dei pazienti trattati con Opdivo.
Le più frequenti reazioni avverse riportate in misura maggiore o uguale al 2% dei pazienti sono state: dispnea, polmonite, esacerbazione di broncopneumopatia cronica ostruttiva, polmonite, ipercalcemia, versamento pleurico, emottisi e dolore.
Il trattamento con Opdivo è stato interrotto a causa di reazioni avverse nel 27% dei pazienti.
Il 29% dei pazienti trattati con Opdivo aveva un ritardo nella somministrazione del farmaco a causa di una reazione avversa. br> Con almeno 10 mesi di follow-up minimo per tutti i pazienti, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), endpoint primario dello studio, è stato del 15% ( 17/117 ) ( 95% CI = 9, 22 ); tutte erano risposte parziali.
Il tempo mediano di inizio della risposta era di 3.3 mesi ( range: 1.7-8.8 mesi ) dopo aver iniziato il trattamento con Opdivo.
Il 77% dei responder a Opdivo ( 13/17 pazienti ) ha avuto risposte in corso con la durata della risposta che variava da 1.9+ a 11.5+ mesi; 10 di questi 17 ( 59% ) pazienti hanno avuto risposte durature di 6 mesi o più.

Il cancro al polmone è una delle principali cause di decessi per tumore negli Stati Uniti.
Il tumore NSCLC rappresenta circa l’85% dei casi di tumore. Il tumore del polmone a cellule squamose rappresenta circa il 25-30% di tutti i tumori polmonari.
I tassi di sopravvivenza variano a seconda della fase e del tipo di cancro e quando questo viene diagnosticato. Per il tumore NSCLC di fase IV, il tasso di sopravvivenza a cinque anni è pari all’1%. ( Xagena2015 )

Fonte: BMS, 2015

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro