Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Terapia neoadiuvante endocrina per cancro alla mammella positivo ai recettori degli estrogeni


I tumori del seno positivi ai recettori degli estrogeni ( ER+ ) sono in genere altamente sensibili al trattamento endocrino.
Anche se la terapia endocrina è il cardine del trattamento adiuvante per il carcinoma mammario ER+, il ruolo della terapia endocrina in ambito neoadiuvante non è ben definito.

È stato valutato l'effetto della terapia neoadiuvante endocrina sul tasso di risposta e sul tasso di chirurgia di conservazione del seno per il carcinoma mammario ER+.

Sulla base delle linee guida PRISMA, è stata eseguita una ricerca per identificare gli studi clinici prospettici randomizzati che hanno riportato i tassi di risposta con almeno un braccio che incorporava la terapia neoadiuvante endocrina ( n=20 ).

L'analisi ha incluso 20 studi con 3.490 pazienti.

Rispetto alla chemioterapia di combinazione, la terapia neoadiuvante endocrina come monoterapia con inibitori dell'aromatasi ha avuto un tasso simile di risposta clinica ( odds ratio, OR=1.08; P=0.85; n=378 ), tasso di risposta radiologica ( OR=1.38; P=0.12; n=378 ), e tasso di chirurgia conservativa del seno ( OR=0.65; P=0.07, n=334 ), ma con minore tossicità.

Gli inibitori dell'aromatasi sono risultati associati a un tasso significativamente più alto di risposta clinica ( OR=1.69; P minore di 0.001; n=1.352 ), tasso di risposta radiologica ( OR=1.49; P minore di 0.001; n=1.418 ) e tasso di chirurgia conservativa del seno ( OR=1.62; P minore di 0.001; n=918 ) rispetto a Tamoxifene.

La duplice terapia di associazione con inibitori della via del fattore di crescita era associata a un più alto tasso di risposta radiologica ( OR=1.59; P=0.03; n=355 ), ma non a un più alto tasso di risposta clinica ( OR=0.76; P=0.11; n=537 ) rispetto alla monoterapia endocrina.

L'incidenza di risposta patologica completa è stata bassa ( inferiore al 10% ).

In conclusione, la terapia endocrina neoadiuvante, anche in monoterapia, è associata a tassi di risposta simili a quelli della chemioterapia neoadiuvante di combinazione, ma con una tossicità significativamente più bassa, il che suggerisce che terapia endocrina neoadiuvante sia riconsiderata una potenziale opzione nell’ambito appropriato.
Sono necessarie ulteriori ricerche per sviluppare combinazioni di terapia endocrina neoadiuvante razionali e biomarcatori predittivi per personalizzare la strategia neoadiuvante ottimale per il tumore al seno ER+. ( Xagena2016 )

Spring LM et al, JAMA Oncol 2016; 2: 1477-1486

Onco2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro