Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
ForumOncologico

Trattamento del cancro gastrico PD-L1-positivo in fase avanzata: tasso di risposta globale del 31% con Pembrolizumab


I dati sull’uso di Pembrolizumab ( Keytruda ) nel tumore gastrico PD-L1-positivo, in fase avanzata, sono stati presentati al ESMO ( European Society for Medical Oncology ) 2014 Congress.

I primi risultati presentati hanno evidenziato un tasso di risposta globale del 31% con Pembrolizumab in monoterapia.
Tassi di risposta globale simili sono stati osservati nei pazienti asiatici ( una popolazione con alta incidenza di tumori gastrici ) e nei pazienti non-asiatici.
Al momento della analisi, la durata delle risposte variavano tra 8+ e 20+ settimane con 11 pazienti responder su 12 pazienti che hanno continuato ad assumere la terapia.

Pembrolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che blocca l'interazione tra PD-1 e i suoi ligandi, PD-L1 e PD-L2. Legandosi al recettore PD-1 e bloccando l'interazione con i ligandi del recettore, Pembrolizumab ripristina la risposta immunitaria mediata dalla via di segnalazione PD-1, tra cui la risposta immunitaria antitumorale.

Keytruda trova indicazione negli Stati Uniti, alla dose di 2 mg/kg ogni tre settimane, nel trattamento di pazienti con melanoma non-resecabile o metastatico, e nella progressione della malattia dopo Ipilimumab ( Yervoy ) e un inibitore BRAF, qualora ci fosse una mutazione BRAF V600.
Questa indicazione è stata approvata mediante procedura accelerata sulla base del tasso di risposta del tumore e della durata della risposta.
Non è stato ancora stabilito un miglioramento della sopravvivenza o dei sintomi correlati alla malattia.

In una coorte di uno studio di fase 1b, in corso, KEYNOTE-012 è stato valutato Pembrolizumab in monoterapia al dosaggio di 10 mg/kg ogni due settimane in pazienti con carcinoma gastrico avanzato, positivo per l'espressione di PD-L1 ( n=39 ).

Mediante un test immunoistochimico ( IHC ), i tumori sono stati classificati come PD-L1-positivi per la presenza di cellule tumorali con espressione del marcatore PD-L1 ( maggiore o uguale all’1% ), o di qualsiasi colorazione positiva con lo stesso reagente nello stroma tumorale.
L'arruolamento è stato progettato in modo da includere un numero uguale di pazienti asiatici e non-asiatici.
La maggior parte dei pazienti aveva ricevuto in precedenza due o più linee di terapia.

Nello studio, la riduzione del tumore è stata dimostrata nel 41% dei pazienti valutabili che avevano malattia misurabile.

Gli eventi avversi sono stati in linea con i dati di sicurezza riportati in precedenza per Pembrolizumab.
Le più comuni reazioni avverse correlate al trattamento riportate dagli sperimentatori ( si sono verificate in più del 5% ) sono state: ipotiroidismo ( 12.8% ) e affaticamento ( 12.8% ).
Le reazioni avverse di grado 3-5, correlate al trattamento su valutazione degli sperimentatori, si sono verificate in un totale di 3 pazienti ( 1 caso di neuropatia sensoriale periferica di grado 3, 1 caso di ipossia di grado 5 e 1 caso di polmonite di grado 4 ).

Nessuna reazione correlata all'infusione è stata osservata e nessun paziente ha interrotto Pembrolizumab a causa di una reazione avversa correlata al trattamento.
E’ stato riportato un decesso correlato al trattamento a causa di ipossia, su valutazione dello sperimentatore. ( Xagena2014 ).

Fonte: Merck, 2014

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro