Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Tumore del polmone non-a-piccole cellule con EGFR wild-type: Erlotinib meno efficace di Docetaxel


Nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato e senza alcuna mutazione nel gene EGFR, Docetaxel ( Taxotere ) ha fornito un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da progressione rispetto a Erlotinib ( Tarceva ), secondo uno studio randomizzato di fase III.
Inoltre, una comune mutazione genetica non è risultata associata ad alcun ruolo prognostico in questi pazienti.

Lo studio TAILOR non supporta l'uso di Erlotinib più Docetaxel nei pazienti con EGFR wild-type.
Erlotinib, un inibitore della tirosin-chinasi EGFR, ha dimostrato di essere un farmaco efficace nei pazienti con mutazioni nel gene EGFR, ma la sua efficacia nei pazienti EGFR wild-type non era bene definita.

Nello studio TAILOR, i ricercatori hanno randomizzato i pazienti a Erlotinib 150 mg/die oppure a chemioterapia con Docetaxel 75 mg/m2 o 35 mg/m2 .
Dei 702 pazienti registrati, 554 sono stati genotipizzati, 222 sono stati randomizzati e 219 sono stati considerati eleggibili per l'analisi finale ( 110 pazienti trattati con Docetaxel, 109 pazienti con Erlotinib ).

Docetaxel si è dimostrato significativamente più efficace di Erlotinib.
L'hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione è stato di 0.69 a favore di Docetaxel ( P=0.014 ).
Per entrambe le popolazioni, però, la prognosi della malattia è sfavorevole: la sopravvivenza libera da progressione mediana per i pazienti trattati con Docetaxel è stata di 3.4 mesi rispetto ai 2.4 mesi di Erlotinib.

Un totale del 28.9% di pazienti trattati con Docetaxel non ha avuto progressione dopo 6 mesi, rispetto al 16.9% dei pazienti in cura con Erlotinib.

All'analisi multivariata, solo un performance status ECOG di 2 ( vs 0 o 1 ) e il braccio di trattamento sono risultati predittivi di sopravvivenza libera da progressione.
L’hazard ratio per la progressione di Docetaxel versus Erlotinib è stato pari a 0.70 ( P=0.019 ).
Lo status KRAS non era predittivo dell'esito.

Lo studio TAILOR ha posto l'attenzione sul fatto che gli esiti non sono favorevoli nel trattamento di seconda linea per il tumore al polmone non-a-piccole cellule, con i trattamenti attualmente disponibili risultanti in una sopravvivenza libera da progressione mediana di 2 o 3 mesi.
Sono necessari trattamenti più efficaci, ma è anche necessario utilizzare i trattamenti disponibili nel modo migliore possibile.

L'età mediana dei pazienti che hanno partecipato allo studio era simile tra i due gruppi, 67 nel gruppo Docetaxel e 66 nel gruppo Erlotinib.
Circa due terzi di entrambi i gruppi erano maschi e oltre il 90% di entrambi i gruppi era costituito da pazienti con performance status di 0 o 1.
Quasi il 72% dei pazienti con Docetaxel era fumatore o ex-fumatore, rispetto all’81.7% nel gruppo Erlotinib.
La mutazione KRAS era presente nel 22.7% dei pazienti con Docetaxel e nel 23.9% dei pazienti con Erlotinib.

Gli eventi avversi nello studio erano coerenti con altri studi pubblicati che hanno impiegato questi farmaci.
Un totale del 27% tra i pazienti trattati con Docetaxel ha presentato neutropenia di grado 3 o 4 e il 29% ha sofferto di alopecia di qualunque grado; il 14% dei pazienti con Erlotinib ha sofferto di tossicità dermatologica di grado 3 o 4.

C'è stato un decesso correlato al trattamento nel gruppo Erlotinib e il 22.1% dei pazienti trattati con Docetaxel e il 29.0% dei pazienti trattati con Erlotinib ha sofferto di eventi avversi che hanno portato alla modifica del dosaggio. ( Xagena2012 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ), 2012

Pneumo2012 Onco2012 Farma2012


Indietro